Quaderni dei Georgofili

Valorizzazione delle proprietà salutistiche degli alimenti di origine vegetale. Ruolo della biodiversità e della biotecnologia

Accademia dei Georgofili

Copyright 2001 Accademia dei Georgofili



Giornata di studio (Pisa, 14 dic. 2000)

Indice
L. Donato, F. Scaramuzzi, C. Galoppini, Introduzione
G.F. Soldatini, Biodiversità fitochimica e proprietà salutistiche degli alimenti
M.P. Nuti, M. Giovannetti, A. Toffanin, Biotecnologie vegetali e microbiche
E. Morelli, D. Guzzo, S. Paoletti, Valore salutistico degli alimenti di origine vegetale

L’Accademia dei Georgofili, in collaborazione con il Dipartimento di Chimica e Biotecnologie Agrarie dell’Università di Pisa, ha organizzato questo incontro che si è svolto presso l’importante Area di Ricerca del C.N.R. di Pisa, pochi giorni dopo la sua inaugurazione ufficiale da parte del Presidente della Repubblica (dicembre 2000).Questa iniziativa ha assunto un particolare significato giacché l’Area di ricerca del CNR è stata costruita utilizzando la superficie del podere sperimentale di San Cataldo di proprietà della Università. Tale podere fu dato dal Granduca Leopoldo II all’illustre georgofilo Cosimo Ridolfi quando questi, chiusa la sua Scuola di Meleto, costituì la prima cattedra di Agronomia e Pastorizia dell’Università di Pisa e costituì il primo Istituto Superiore Agrario nel 1844. L’importanza del tema trattato nella Giornata di studio, che ha avuto come autorevole moderatore il prof. Carlo Galoppini, deriva dall’attenzione dei consumatori sempre più rivolta agli aspetti qualitativi connessi con le proprietà nutrizionali e salutistiche degli alimenti. Questi non sono più valutati solo per la loro capacità di apportare energia (contenuta nelle principali classi di composti: glucidi, lipidi e proteine), ma si dà sempre maggiore importanza all’apporto di nutrienti minori, come sali e vitamine ed a sostanze che, pur se non classificate fra i nutrienti, possono avere un effetto benefico nella prevenzione di malattie specifiche, specialmente di quelle cardiovascolari e degenerative.